ESERCIZI BIOENERGETICI

Che cosa sono e a che cosa servono?


Quando parliamo di bioenergetica dobbiamo distinguere tra analisi bioenergetica e classi di esercizi bioenergetici.
Possiamo dire che sono entrambe facce della stessa medaglia, strumenti per l’interpretazione dei processi energetici che influenzano il corpo e la psiche. 
L’analisi bioenergetica è una forma di psicoterapia corporea che parte dal presupposto che mente e corpo siano tutt’uno e cioè che tra esse ci sia un’identità funzionale. 
L’analisi bioenergetica unisce il lavoro sul corpo alla psicoterapia classica: influenzando i processi energetici del corpo come il respiro, il movimento e il metabolismo siamo in grado anche di modificare i processi della mente. 
Le classi di esercizi bioenergetici sono uno spazio dedicato esclusivamente al lavoro corporeo e sono strumento di riduzione dello stress, infatti attraverso alcuni movimenti lavoriamo in maniera sistematica sulle tensioni muscolari croniche che limitano la vitalità del corpo, abbassando l’energia e riducendo la naturale motilità del corpo. Il lavoro bioenergetico, inteso come terapia e come esercizi bioenergetici, si propone di riportare armonia in una situazione disarmonica. 
In un corpo dove ci sono blocchi, andare a sciogliere questi blocchi significa permettere il libero flusso di energia e fare in modo che questa attraversi il corpo come un onda dolce e continua. 

Origini e storia

Gli esercizi bioenergetici, che integrano e favoriscono la terapia, possono essere eseguiti anche da chi non è terapia. 
Essi sono una fusione di elementi orientali e occidentali: mirano a promuovere una maggior espressione di sé, attraverso movimenti del corpo, essi non sono diretti ad acquisire controllo, potenza e potere sul corpo. 
Alexander Lowen, papà della bioenergetica, li intende come una disciplina da cui l’individuo trae piacere entrando in comunicazione con l’interezza del proprio corpo e del proprio sentire e anche dei propri blocchi o tensioni. 
A partire dagli anni ’50 Lowen, allievo di Reich, iniziò a collaborare con John Pierrakos, altro terapista reichiano, sperimentando su di sé gli esercizi che poi avrebbe proposto ai propri pazienti e che sono la base della terapia bionenergetica. 
Lowen amplia il lavoro fatto da Reich partendo dalla respirazione e sposta l’accento sulla capacità di un individuo di sentire piacere e sperimentare la gioia di vivere. 
Il cambio di registro avviene facendo lavorare il paziente non più sdraiato ma in piedi, facendo appoggiare il paziente sui propri piedi. 

Effetti e benefici

  
Il livello di energia di un individuo è dato dalla trasformazione del cibo che questi assume, ma soprattutto e in particolare dalla qualità della sua respirazione. Una respirazione profonda e piena aumenta il livello di energia che la persona ha a disposizione. L’individuo si carica di energia attraverso la respirazione e si scarica attraverso l’autoespressione. Effetti e benefici saranno la riduzione dello stress, maggiore consapevolezza corporea, autoespressione e padronanza di sé. 

A chi è consigliato


È consigliato a tutti, grandi e piccini, non è richiesta un particolare preparazione atletica né una performance durante la classe. 
Da 0 a 99 anni. 
Lowen praticò gli esercizi bioenergetici tutti i giorni fino al 2008, anno della sua morte. Aveva 92 anni. 

Tempo di pratica per godere dei benefici 


E’ richiesta una certa costanza ed assiduità alle classi di esercizi settimanali; per poter sperimentare i primi benefici effetti è consigliata la partecipazione ad almeno 10 incontri consecutivi. 

Come si svolge un incontro 

Le classi di esercizi durano in genere 1 ora e 15 minuti, il conduttore inviterà i partecipanti ad eseguire particolari esercizi sia in piedi che a terra, utilizzando il corpo, la voce e il movimento. In particolare buona parte della classe sarà dedicata al grounding, termine traducibile con radicamento. 
Avere i piedi saldamente piantati in terra, essere radicati, sviluppa una carica energetica nelle gambe e attiva uno scambio energetico fra i piedi e la terra. 
Il processo di grounding permette all’individuo di essere in più in contatto con la realtà in cui vive, di guardarsi intorno aumentando il senso di sicurezza e di fiducia in sé stesso. 

Diffusione della disciplina e tendenze in Italia e nel mondo


Nel 1956 Alexander Lowen ha fondato a New York l'International Institute for Bioenergetic Analysis, di cui è stato direttore per quarant'anni. L'insieme delle sue teorie e pratiche si è diffuso in tutto il mondo fin dagli anni settanta ed è molto noto anche in Italia, dove esistono diverse scuole che si rifanno alle sue teorie. 

Libri consigliati per saperne di più (in particolare sulle classi) 

Lowen A. - Espansione e Integrazione del Corpo in Bioenergetica - Astrolabio 

Sollmann U. - Esercizi bioenergetici - Astrolabio 

  • Facebook Social Icon
  • Tumblr Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2023 by VITA STEFANO.

Telefono:

392/1806179

Via Carducci, 50/D

26845 Codogno (LO)

Via Sant'Eufemia, 34.

29121 Piacenza (PC)