top of page

Esplorazione delle Diverse Forme di Ascolto Musicale

Aggiornamento: 1 feb

Nel mondo della musicoterapia, l'ascolto assume una gamma di sfaccettature che incidono sull'esperienza del fruitore. Partendo dalla proposta di Guy Rosolato e ampliando la discussione, emerge un panorama complesso e ricco di modalità di ascolto differenti.

Le Tre Modalità Fondamentali di Ascolto - Teoria di Guy Rosolato

Rosolato identifica tre modalità fondamentali di ascolto, ognuna con le sue specifiche caratteristiche e impatti sul fruitore della musica.


1. Ascolto Tecnico:In questa modalità, l'attenzione del fruitore è focalizzata sugli aspetti strutturali e tecnici della musica. Si tratta di un ascolto che valorizza la forma, la tonalità, il ritmo e gli altri elementi tecnici della composizione. Questo tipo di ascolto offre una struttura conosciuta e rassicurante, consentendo un'analisi più razionale e meno emotiva del brano. Per alcuni, l'ascolto tecnico può fornire un senso di controllo e comprensione più profondo della musica.


2. Ascolto Evocativo:Contrariamente all'ascolto tecnico, l'ascolto evocativo è profondamente legato alle risposte emotive e personali. La musica diventa uno stimolo per ricordi personali, emozioni e associazioni. Un brano può evocare eventi significativi della storia personale o suscitare risposte emotive legate alle sue caratteristiche strutturali. Questo tipo di ascolto è particolarmente utile nella musicoterapia per aiutare i pazienti a esplorare e comprendere le proprie emozioni e esperienze passate.


3. Ascolto Ipnotico:L'ascolto ipnotico rappresenta una forma di ascolto che va oltre le precedenti, inducendo uno stato di trance o oblio. In questa modalità, il fruitore è completamente immerso nell'ascolto, disconnesso dal proprio ambiente sensoriale esterno. La musica assorbe completamente l'attenzione, potenzialmente inducendo uno stato di rilassamento profondo e di distacco dalla realtà immediata. Questo tipo di ascolto può avere impieghi terapeutici, come nel caso di trattamenti per ridurre lo stress o l'ansia.


Approfondimenti da Mauro Mancia

Mauro Mancia, noto analista e membro della Società Psicoanalitica Italiana, ha ulteriormente approfondito e esteso la comprensione delle modalità di ascolto nella musicoterapia. Mancia ha delineato due modalità aggiuntive di ascolto e ha proposto una terza modalità che si colloca in una dimensione intermedia.


1. Ascolto Fusionale:L'ascolto fusionale rappresenta una modalità in cui si verifica una fusione tra il soggetto e la musica. In questo tipo di ascolto, non esiste una distinzione netta tra il fruitore e il brano musicale; piuttosto, si crea un'esperienza intensamente unitaria e spesso emotivamente coinvolgente. Il soggetto può sentirsi come se fosse parte della musica o come se la musica fosse una estensione dei propri stati d'animo. Questa modalità di ascolto può essere particolarmente potente nel facilitare l'espressione emotiva e nell'esplorare stati d'animo profondi.


2. Ascolto Distaccato:Contrastando con l'ascolto fusionale, l'ascolto distaccato si caratterizza per una distanza emotiva e cognitiva tra il soggetto e la musica. In questa forma di ascolto, il fruitore mantiene un atteggiamento analitico, cercando di oggettivare la musica. Anche se questo può essere utile per un'analisi critica del brano, può a volte mancare di una partecipazione emotiva e creativa, rendendo l'esperienza meno coinvolgente.


3. Terza Modalità di Ascolto:Mancia propone anche una terza modalità di ascolto che si colloca tra l'ascolto fusionale e distaccato. In questa modalità intermedia, l'ascoltatore mantiene un equilibrio tra coinvolgimento emotivo e distacco analitico. Questo tipo di ascolto permette un'interazione creativa con il materiale musicale, fornendo la possibilità di esplorare la musica sia a livello emotivo che intellettuale. Questa modalità può essere particolarmente efficace in un contesto terapeutico, dove è importante sia l'elaborazione emotiva sia la riflessione cognitiva.


Ulteriori Modalità di Ascolto

Al di là delle categorie primarie delineate da Rosolato e Mancia, esistono altre sfumature e modalità di ascolto che emergono nell'esperienza della musicoterapia recettiva. Queste modalità aggiuntive aprono nuove prospettive nell'interpretazione e nell'effetto terapeutico della musica.


1. Ascolto Idealizzato:In questa modalità, la musica è percepita come un'esperienza priva di conflitti, intrinsecamente positiva e di facile comprensione. L'ascolto idealizzato tende a elevare la musica a uno stato quasi utopico, dove le qualità del brano sono viste in modo ottimistico e a volte idealizzato. Questo tipo di ascolto può offrire conforto e sollievo, specialmente in momenti di stress o di disagio.


2. Ascolto Corporeo:L'ascolto corporeo enfatizza la reazione fisica e sensoriale alla musica. In questa modalità, il focus è sul modo in cui la musica stimola la sensorialità e la risposta corporea, come il movimento o la danza. Questo tipo di ascolto può ridurre l'attività immaginativa a favore di un coinvolgimento fisico più diretto, offrendo una via per esprimere e gestire le emozioni attraverso il corpo.


3. Ascolto Integrato:L'ascolto integrato rappresenta una modalità in cui l'ascoltatore è in grado di comprendere e mettere in relazione gli elementi conflittuali presenti nel brano. Questa modalità combina elementi delle altre forme di ascolto, consentendo una comprensione più olistica e completa della musica. L'ascolto integrato può favorire una profonda comprensione emotiva e intellettuale della musica e delle sue implicazioni.


Interconnessioni tra le Modalità di Ascolto

Le modalità di ascolto descritte non operano in isolamento, ma spesso si sovrappongono e interagiscono tra loro. Queste interconnessioni giocano un ruolo fondamentale nel modellare l'esperienza complessiva dell'ascolto musicale e hanno implicazioni significative in ambito terapeutico.


1. Sovrapposizioni e Intersezioni:Le diverse modalità di ascolto possono fondersi e integrarsi l'una con l'altra, creando un tessuto interconnesso di esperienze d'ascolto. Ad esempio, un individuo può sperimentare simultaneamente ascolto evocativo e corporeo, dove la musica evoca ricordi emotivi mentre stimola anche una risposta fisica. Queste sovrapposizioni arricchiscono l'esperienza di ascolto, permettendo una risposta più complessa e sfaccettata alla musica.


2. Impatto del Processo di Ascolto:Il processo di ascolto musicale è profondamente influenzato dalla psiche dell'ascoltatore, dalle caratteristiche formali del brano, e dal contesto in cui si svolge l'esperienza di ascolto. Ad esempio, lo stato emotivo dell'ascoltatore può inclinarlo verso un tipo di ascolto piuttosto che un altro, mentre il contesto - come un ambiente rilassante o uno stimolante - può alterare la percezione e l'interpretazione della musica. Le caratteristiche del brano stesso, come il genere, il ritmo e la melodia, possono anch'esse influenzare la modalità di ascolto prevalente.


La musicoterapia recettiva, come pratica basata sulla scienza, si avvale di numerosi studi e ricerche che ne validano l'efficacia e ne approfondiscono le metodologie. In questa sezione, esamineremo alcuni dei più significativi contributi accademici e scientifici che supportano le teorie e le pratiche della musicoterapia recettiva.


Riferimenti a Studi e Ricerche:

  • Studio sulla Musicoterapia e Salute Mentale: Un'importante ricerca pubblicata sul "Journal of Music Therapy" ha evidenziato come l'ascolto musicale possa ridurre significativamente i sintomi di ansia e depressione. Questo studio dimostra l'efficacia dell'ascolto tecnico e evocativo nel fornire sollievo emotivo.

  • Ricerca sull'Ascolto Corporeo: Un articolo sul "Music Therapy Perspectives" ha esplorato come l'ascolto corporeo possa essere impiegato per migliorare la coordinazione motoria e l'espressione emotiva in pazienti con disturbi neurologici.

  • Analisi dell'Ascolto Integrato: Una pubblicazione della "International Journal of Psychotherapy" ha analizzato l'ascolto integrato, sottolineando come questa modalità possa contribuire a una più profonda comprensione emotiva e cognitiva della musica.


Bibliografia

  1. "Journal of Music Therapy": Studio sulla Musicoterapia e Salute Mentale.

  2. "Music Therapy Perspectives": Ricerca sull'Ascolto Corporeo e disturbi neurologici.

  3. "International Journal of Psychotherapy": Analisi dell'Ascolto Integrato.

  4. Rosolato, G. (1974). "Psychoanalytic notes on the theft and defacement of works of art". UNESCO.

  5. Mancia, M. (2007). "Feeling the words: neuropsychoanalytic understanding of memory and the unconscious".

  6. Mancia, M. (2006). "Psychoanalysis and Neuroscience".

9 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page